Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

Perché lavorare con gli uomini

La violenza sulle donne è un fenomeno inaccettabile e complesso. Se da un lato è fondamentale intervenire per sostenere le vittime e riparare i danni di queste condotte, in una prospettiva preventiva è necessario anche occuparsi di chi commette queste violenze.

Chi usa violenza contro le donne tende ad atti aggressivi sempre più gravi e a recidivare nell’85% dei casi se non si interviene. La violenza si traduce in sofferenza e traumi per i figli e spesso in un comportamento che viene da questi appreso e replicato: dalle ricerche emerge che molti degli uomini violenti sono stati vittime o testimoni di violenza da bambini e che in alcuni casi chi subisce abusi tende a riprodurre il comportamento in età adulta.

La violenza contro le donne è infatti espressione di una cultura malata, dell'ineguaglianza di genere, ma anche di una difficoltà di chi la agisce.

L’isolamento è il fattore di rischio più grave.

E’ importante quindi che vittime e autori possano chiedere e trovare aiuto e fermare l’aumento sempre maggiore della violenza: è difficile per chi agisce comportamenti violenti cambiare da solo.

Il trattamento degli autori di reati violenti contro le donne mira alla responsabilizzazione: al riconoscimento che la violenza è una scelta ed è fallimentare in termini di costi e alla valutazione del rischio di commetterla ancora.

Per fermare davvero la violenza, la pena non è sufficiente. Il trattamento può fermare l’escalazione e evitare nuove vittime (può evitare, anche, che si creino nuovi potenziali autori di reato -e ancora nuove vittime-).

L’intervento trattamentale, se effettuato non appena si manifestino i primi comportamenti di prevaricazione, inoltre, può evitare che la situazione degeneri, causando anche separazioni e denunce.

Appare, dunque, determinante in una prospettiva di prevenzione.

Da ricerche statunitensi emerge che gli autori di reati violenti che hanno seguito un programma di trattamento hanno il 35% di probabilità di reiterare comportamenti abusanti, contro il 40% di coloro che non hanno seguito alcun trattamento. Il 5% di differenza, apparentemente minimale, corrisponde negli USA ad un totale di circa 42.000 donne, potenziali vittime, a conseguenti spese sociali e sanitarie per l’aiuto alle stesse.

Al riguardo, la violenza sulle donne costa in Italia circa 16,72 miliardi l’anno.

Il trattamento conviene, dunque, anche in una prospettiva di costi e benefici.