Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

Logo CAM

Centro Ascolto Uomini Maltrattanti Onlus

Roma

 

Via Emilio Lepido 36 e/f
50135 Firenze

Tel. 377 5366270
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.centrouominimaltrattanti.org

Orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 19.30
  su appuntamento

 

Chi siamo

Il centro nasce in stretta collaborazione con il CAM di Firenze ed ha tra i suoi soci fondatori Alessandra Pauncz (presidente del CAM di Firenze). L’obiettivo del CAM di Roma è realizzare l’attività del CAM sul territorio di Roma e provincia ed essere guida nel territorio regionale per la creazione di analoghi centri per autori di violenza. L’esperienza del CAM nasce quindi con il corso per operatori realizzato dal CAM a Roma nel 2014, avendo trovato proprio tra alcuni partecipanti al corso i soci che hanno poi costituito l’associazione. L’associazione si è poi costituita il 30 luglio 2014 ed è diventata operativa a partire da settembre. In questi primi mesi di attività sono state realizzate sia iniziative di carattere divulgativo e di promozione della rete che attività di colloqui con uomini autori di violenza.

   
Cosa facciamo  

Le principali Attività del Centro sono:

- colloqui individuali di valutazione e inserimento nei gruppi;

- interventi psico-educativi di gruppo con uomini autori di violenza;

- attività laboratoriali con gli uomini utenti del centro su progetti speciali;

- attività, eventi e spettacoli di sensibilizzazione rivolti alle scuole e alla cittadinanza;

- attività di formazione specifica sui temi della violenza di genere e delle azioni di prevenzione e presa in carico rivolti anche a figure professionali;

- attività di networking istituzionale e territoriale per lo sviluppo della rete;

- attività di ricerca e di confronto tra professionisti, esperti e studiosi per lo sviluppo di modelli di lettura ed intervento sulla violenza

   
A chi ci rivolgiamo?  
L'attività specifica del CAM Roma, ossia l'attività di presa in carico degli autori di violenza attraverso colloqui individuali e di gruppo, è rivolta a uomini che hanno commesso o temono di poter commettere qualsiasi tipo di violenza nei confronti della partner e dei figli. Gli uomini possono pervenire al CAM su base volontaria, anche dietro invito di istituzioni (ad es. assistenti sociali o forze dell'ordine) o consulenti (ad es. avvocati, medici di base o psicologi), oppure su invio, coatto o meno, da parte di enti come il tribunale (penale e per i minori) o l'UEPE. Sulla base di progetti specifici si possono realizzare interventi anche in carcere.
   
Che tipo di percorso  

Il programma di intervento rivolto agli autori di violenza nelle relazioni affettive si basa sulle linee guida del CAM di Firenze e sulle linee guida emanate da Relive, in osservanza quindi anche delle linee guida europee e di quanto previsto nelle fonti normative. Il programma si struttura quindi in 4 fasi:

- colloqui individuali di valutazione, di preparazione all'inserimento al gruppo e di valutazione del rischio di recidiva di comportamenti violenti;

- incontri di gruppo strutturati con un approccio psico-educativo a cadenza settimanale, ossia un ciclo di incontri con attività e argomenti specifici per ogni incontro;

- incontri di gruppo semi-strutturati a cadenza settimanale, ossia incontri maggiormente aperti e focalizzati sulla violenza, l'identità di genere e le relazioni affettive;

- incontri di follow up di gruppo, con cadenza mensile o quindicinale, per uomini che hanno chiuso il percorso, per la valutazione e il monitoraggio continuo dei risultati dell'intervento;

Periodicamente vengono realizzati degli incontri speciali di gruppo, con attività laboratoriale e creativa su progetti specifici (ad es. progetti di autonarrazione, di teatro, ecc.). Parallelamente alle attività con gli uomini vengono sviluppati contatti con la partner (circa 3 contatti durante tutto il ciclo dell'intervento) e con le istituzioni che stanno intervenendo sul caso (soggetti invianti, centri antiviolenza, centri per i minori ecc.)
Tutte le scelte in merito all’intervento vengono condivise con il CAM di Firenze e si utilizza i programmi, le esercitazioni, i test e la modulistica previsti dal CAM di Firenze.