Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

Relive nasce nel novembre 2014

dando forma e struttura a ciò che informalmente già avveniva: nove fra i primi centri che attuano programmi per autori di violenza di genere si sono riuniti nella prima associazione nazionale italiana per scambiarsi esperienze, per aumentare la formazione, per incrementare l’efficacia dei programmi, sempre nell’ottica del confronto costruttivo e della tutela della qualità del nostro lavoro.

I centri che aderiscono a Relive hanno una comune visione del fenomeno della violenza di genere: la violenza maschile contro le donne costituisce un fenomeno grave e diffuso, al di là dei confini nazionali essendo presente in tutti i paesi Europei ed a livello internazionale in modo trasversale.

La violenza contro le donne è una delle manifestazioni dei rapporti di potere tra uomini e donne, storicamente ineguali, che hanno portato alla loro discriminazione impedendone la piena realizzazione e dando luogo a un’estesa violazione dei diritti umani e ad ostacoli significativi nel conseguimento dell’uguaglianza di genere.

Gli stati membri di organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e il Consiglio d’Europa ed i Paesi dell’Europa sono tenuti, in virtù di legislazioni nazionali ed internazionali, ad esercitare la dovuta vigilanza al fine di prevenire, indagare e punire atti di violenza che siano perpetrati dallo stato o da privati ed a fornire protezione alle vittime . La violenza domestica contro le donne è un'esemplificazione paradigmatica dell'atteggiamento autoritario da parte del compagno o dell’ex compagno e include, senza limitarsi, violenza fisica e sessuale, abuso emozionale, isolamento economico, minacce, intimidazioni e vessazioni. La violenza contro le donne praticata in famiglia colpisce anche i minori, che quindi hanno eguale diritto ad essere protetti e a ricevere supporto.