Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

Centro Ascolto Uomini Maltrattanti Onlus

Ferrara

Viale Cavour 195 (presso il Grattacielo)
44121 Ferrara

Tel. 339 8926550

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari di apertura: martedì dalle 17 alle 19.30
  venerdì dalle 10.30 alle 13

 

Chi siamo

Un’Associazione di Promozione Sociale costituita nel 2014, ma il Centro è attivo dal marzo 2013 come prima sede distaccata del C.A.M. di Firenze. Siamo un’equipe multidisciplinare, composta da psicologhe/i, psicoterapeute/i, counselor, laureati in giurisprudenza ed esperti in comunicazione nonviolenta. Operiamo in stretta collaborazione con il Centro Antiviolenza di Ferrara e il Movimento Nonviolento cittadino.

   
Cosa facciamo  
  • offriamo un servizio di ascolto e prima accoglienza all’interno delle due giornate settimanali di apertura del centralino
  • proponiamo percorsi psicoeducazionali (individuali e di gruppo) rivolti a uomini che agiscono violenza contro la propria partner o ex-partner
  • organizziamo gruppi quindicinali di discussione e confronto sul maschile
  • lavoriamo assieme al Centro Antiviolenza con i ragazzi, le ragazze e i docenti degli istituti superiori attraverso un percorso di sensibilizzazione e prevenzione sulle tematiche dell’identità, dei ruoli di genere e della violenza contro le donne
  • operiamo in sinergia con le Istituzioni e i Servizi locali per realizzare un sistema integrato per la presa in carico globale delle situazioni di violenza, anche tramite l’adesione a Protocolli interistituzionali
   
A chi ci rivolgiamo?  
Agli uomini che agiscono comportamenti violenti all’interno delle loro relazioni di intimità.
   
Che tipo di percorso  
Almeno cinque colloqui individuali di screening e analisi della motivazione svolti da un operatore. Successivo inserimento dell’uomo in un gruppo psicoeducazionale di confronto cocondotto da un operatore e un’operatrice, a cadenza settimanale.