Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

 

Centro SAVID

Stop alla violenza domestica - Insegnamento di Criminologia -Università degli Studi di Milano

 

via Mangiagalli, 31
20100 Milano

Tel. 02 750315384
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari di apertura: lunedì e mercoledì 14 - 18
  giovedì 9.30 - 12.30

 

Chi siamo

SAVID (stop alla violenza domestica) è un progetto di ricerca e intervento sorto nel 2011 ad opera dell'Insegnamento di Criminologia Università degli Studi di Milano.
Il gruppo di lavoro è costituito da criminologi e psicologi.

   
Cosa facciamo  
  • Avviare un servizio specializzato che intervenga, in raccordo con le istituzioni preposte del 
 territorio, nei casi di partner violenti autori di reato, supportandoli nel reinserimento 
 a livello territoriale e sociale 

    Intervenire su situazioni segnalate da U.E.P.E. di Milano e Lodi in collaborazione con la 
Magistratura di Sorveglianza, promuovendo un trattamento clinico-criminologico rivolto 
agli autori della violenza domestica 

  • “Mappatura" del fenomeno con particolare attenzione all'analisi delle criminogenesi 
e delle criminodinamiche sociali, culturali, psicologiche correlate 

  • Individuare buone pratiche tecnico-operative che rispondano in modo adeguato e 
specialistico al fenomeno nella sua complessità 

  • Promuovere un'attività di informazione e formazione sul tema della violenza di genere e sulla violenza domestica
   
A chi ci rivolgiamo?  
A seguito di una Convenzione con D.A.P. Lombardia il nostro intervento clinico-criminologico si rivolge agli autori di reato di violenza domestica, che hanno ottenuto le misure alternative al carcere in stretta collaborazione con la Magistratura di Sorveglianza e U.E.P.E. (Ufficio Esecuzioni Penali Esterne)
   
Che tipo di percorso  
Fase Accoglienza: incontro con A.S. UEPE, primo colloquio con autore di reato, presentazione intervento clinico-criminologico, condivisione patto trattamentale
Fase di Valutazione: colloquio criminologico sui precedenti, valutazione testale
Fase di Trattamento: 12/15 incontri individuali
Fase Finale: Test finali, restituzione risultati del percorso, relazione finale a Uepe, re-call a 6 mesi