Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti od ad alcuni cookie vai alla sezione "Info sui Cookie". Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Info sui Cookie

Articoli

MN02 Nuovo Maschile Uomini Liberi dalla violenza, Pisa

Logo Nuovo Maschile

Nuovo Maschile - Uomini Liberi dalla violenza

Pisa

 

Via Adolfo Omodeo 1
Pisa

Tel. 370 3230356 e 370 3154408
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.nuovomaschile.org/


Si riceve su appuntamento telefonico 

Chi siamo

L’ associazione è stata fondata nel 2012 con lo scopo di intervenire sul fenomeno della violenza maschile sulle donne. Fin dall’inizio cerca e stabilisce collaborazione con il cav di Pisa. Collabora anche in modo continuativo con L’associazione Le Amiche di Mafalda , che nell’Alta Val di Cecina si occupa di donne vittime di violenza. Nel 2015 sottoscrive un protocollo operativo con l'UEPE di Pisa. Nel 2016 comincia il primo gruppo per autori ( utenza in parte volontaria in parte su invio Uepe) a cadenza settimanale, cocondotto da un operatore (psicologo) e da un’operatrice (psicologa psicoterapeuta ). Nuovo Maschile è fra le associazioni che hanno costituito la rete Educare alle differenze Pisa, che riunisce associazioni impegnate sui temi della valorizzazione delle differenze ( insieme a Casa della donna Pisa, AIED, Arcilesbica, Pinkriot Arcigay Pisa, Fratelli dell’uomo, Municipio dei Beni Comuni).

   
Cosa facciamo  

L'associazione e' attiva sia sul versante della prevenzione che del trattamento.

Area prevenzione:

- progetti di sensibilizzazione in scuole di ogni ordine e grado su stereotipi di genere, discriminazioni legate al genere, violenza nelle relazioni affettive;

- corsi di formazione,

- incontri di sensibilizzazione, seminari, convegni, cineforum ,

- gruppo di condivisione maschile.

Trattamento: Lavoro con uomini autori di violenza, per favorirne il cambiamento e l’abbandono di condotte violente. Percorsi individuali e di gruppo.

Organizzazione di incontri all’interno della casa Circondariale di Pisa e di quella di Volterra con detenuti, sui temi delle relazioni affettive, conflitto, violenza, violenza di genere.

   
A chi ci rivolgiamo?  

Ci rivolgiamo a:

- uomini che agiscono /hanno agito violenza e desiderano cambiare, acquisendo modalità relazionali paritarie e non violente

- uomini che desiderano interrogarsi con altri uomini sul significato della maschilità nella loro vita, il loro modo di vivere l'affettività, la sessualità, le relazioni, la genitorialità ( gruppo di condivisione)

- uomini che hanno subito abusi nell'infanzia o nell'adolescenza in ambito familiare/istituzionale e desiderano elaborare i traumi di cui ancora portano traccia

   
Che tipo di percorso  

Dopo un contatto telefonico gli uomini effettuano un percorso di orientamento/diagnostico con lo psicologo, percorso gratuito della durata di circa 5 incontri in cui si indaga : la storia della violenza agita, la consapevolezza, la motivazione al cambiamento, la pericolosità, la presenza o meno di disturbi psichiatrici/abuso di sostanze. Si lavora sui vari tipi di violenza : fisica, psicologica, sessuale, economica, religiosa, assistita. Se la situazione lo permette , l’uomo viene inserito in gruppo settimanale cocondotto da un uomo e da una donna, della durata di 1 ora e mezza a incontro. Il gruppo non ha una durata stabilità nel tempo ed è aperto, è di tipo terapeutico e fornisce elementi psicoeducativi. Si lavora molto sulla consapevolezza emotiva, la gestione delle emozioni, lo sviluppo di strategie comunicative e relazionali paritarie, rispettose e non violente, sia nelle relazioni con la partner che con i figli e le figlie, così come sulle aspettative legate all'essere uomini e al significati delle relazioni uomo-donna.

 

MN02 Istrice APS, Sacile (Pn)

Logo L'Istrice

L'Istrice

Udine

 

Via Zilli c/o Centro per la famiglia
Udine

Tel. 04321637178
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.listrice.it


Orari di apertura: lLun 8-18
   
   

 

Chi siamo

L’istrice è un'Associazione di Promozione Sociale che si propone come centro di ascolto e cambiamento dedicato al mondo maschile. L’associazione è fondata da tre professionisti operanti nel campo delle scienze psicologiche e del diritto.

   
Cosa facciamo  

Un’analisi del territorio - È attualmente in corso un intervento di analisi della domanda e valutazione dei bisogni attraverso gli strumenti tipici della psicologia sociale e di comunità nel quartiere di Via Zilli della città di Udine. Conoscere il territorio al quale offrire una nuova opportunità e dialogare con gate keepers ed esperti

La promozione della salute - In seguito, grazie agli elementi emersi ed emergenti è stato attivato un centro di ascolto e di cambiamento dedicato al mondo maschile, attivo per circa una giornata alla settimana.

La prevenzione psico-sociale - Parallelamente sono state ipotizzate ed attivate attività di promozione della salute e prevenzione del disagio con concrete ricadute sul territorio come interventi di comunità mediante giornate informative, approfondimenti e seminari condotti da esperti e peer educators.

   
A chi ci rivolgiamo?  
Ci rivolgiamo alla comunità maschile, adolescenti giovani adulti o uomini; in un panorama di offerte e servizi si apre una nuova possibilità di confronto per l’individuo che riflette, che è in difficoltà o che semplicemente sta vivendo sulla propria pelle un cambiamento che ha mutato il proprio equilibrio esistenziale. Gli utenti potranno accedere liberamente e\o su prenotazione ai servizi e alle proposte offerte.
   
Che tipo di percorso  

Il centro di ascolto affronta e attraversa molteplici aspetti della complessità umana, offrendo grazie ad un’equipe multi disciplinare, percorsi di cambiamento e presa di coscienza individuali e/o di gruppo che tengano conto della specificità di ciascun utente. L’accesso all’offerta è su base volontaria e prevede una prenotazione presso i referenti dell’associazione o presso la pagina FB, per garantire discrezione agli utenti. Proponiamo quindi un pacchetto di incontri di consulenza attraverso la metodologia del colloquio motivazionale e successivamente una eventuale presa in carico psico-educativa dei soggetti richiedenti. Il nostro metodo si caratterizza anche per una valutazione costante dell'intervento attraverso i più aggiornati strumenti scientifici.

 

 

MN02 CTM Centro Trattamento Maltrattanti, Forlì

Logo CTM

CTM Centro Trattamento Maltrattanti

Forlì

 

Via San Martino 13 
43121 Forlì (FC)

Tel. 054330518
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://centrotrattamentomaltrattanti.com/


Orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 18.30
   
   

 

Chi siamo

Il Centro Trattamento Maltrattanti è un servizio dell’Associazione Culturale DELFI di Forlì, fondata nel 1996. Dal 2007 il Progetto Delfi inserisce, nelle attività dell’associazione, la possibilità di usufruire di consulenza psicologica in una logica di promozione di benessere e felicità. In questo contesto si inserisce il servizio CTM. Dal 28 maggio 2014 è affidataria del progetto del Comune di Forlì “Gestione di attività di sensibilizzazione e prevenzione sul tema della violenza di genere ed in particolare per l’accoglienza e trattamento di soggetti maltrattanti” a seguito di determinazione dirigenziale n. 1202 del 12/05/2014.

   
Cosa facciamo  
Il servizio CTM offre i seguenti servizi: - percorsi psicoterapeutici e di sostegno psicologico rivolti ad autori di violenza o a chiunque ritenga di avere problemi con la gestione del proprio comportamento violento; - percorsi di sensibilizzazione sul tema della violenza di genere, rivolti alla cittadinanza più estesa, più nello specifico alle giovani generazioni nel contesto scolastico; - formazione a professionisti che operano o vorrebbero operare nell'ambito.
   
A chi ci rivolgiamo?  
I nostri utenti sono: - uomini autori di violenza, per quanto concerne i percorsi trattamentali; - cittadini e studenti, per le attività di sensibilizzazione; - professionisti, destinatari delle attività di formazione.
   
Che tipo di percorso  

Gli psicoterapeuti del CTM si rifanno al modello ATV di Oslo.

 

 

MN02 Uomini oltre la Violenza, Foggia

Logo Uomini Oltre la Violenza

Uomini oltre la Violenza

Foggia

 


Foggia

Tel. 392 8463806
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://impegnodonna.it/


Orari di apertura: lunedì e mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 12.00
   
   

 

Chi siamo

L'associazione Impegno Donna è un'associazione di volontariato regolarmente iscritta all'Albo Regionale al n.824 del 2007 che gestisce due principali servizi con personale specializzato:

- il centro antiviolenza Telefono Donna

- il servizio Uomini Oltre la Violenza.

L'associazione nasce nel 1991 con un progetto di utilità sociale denominato telefono Donna con fini di solidarietà nei confronti di soggetti in stato di disagio ed in particolare inizialmente delle donne di Foggia e della sua provincia per favorire, promuovere e garantire l'esercizio dei loro diritti. Il servizio UOV nasce nel 2014 come linea telefonica dedicata agli uomini che agiscono violenza in ambito familiare. Si sviluppa poi con gruppi psicoeducativi all'interno dell'Istituto Penitenziario di Lucera (FG) ed iniziando anche l'attività extra-moenia.

   
Cosa facciamo  
Il servizio UOV si propone come un luogo per gli uomini che agiscono violenza fisica, psicologica, economica o sessuale con le proprie compagne, partner, mogli o ex mogli, per rivedere la propria condotta violenta al fine di responsabilizzarsi e prendere consapevolezza dell'agito. Il servizio UOV ha il fine di garantire la sicurezza delle donne e dei minori ed è composto da un'equipe multidisciplinare così configurata: 2 psicologhe, psicoterapeute 1 criminologa. Il servizio offre un primo contatto telefonico con gli uomini, a cui segue un percorso individuale e gruppale.
   
A chi ci rivolgiamo?  
Il servizio UOV si rivolge a uomini che agiscono violenza in ambito domestico, sia detenuti che non. Gli uomini attualmente presi in carico accedono volontariamente al servizio, alcuni dietro invito dei servizi sociali o della partner.
   
Che tipo di percorso  

Il servizio offre un primo contatto telefonico con gli uomini, a cui seguono incontri individuali (max 5) finalizzati ala ricostruzione della storia di violenza, alla valutazione del livello di consapevolezza dell'agito violento, alla valutazione del rischio, dell'abuso di alcool o sostanze stupefacenti, di eventuali diagnosi psichiatriche. Durante i colloqui è altresì previsto il colloquio con la partner attualmente gestito dal Centro antiviolenza coinvolto territorialmente (solo per l'attività extra-moenia). I colloqui sono seguiti da sessioni gruppali di stampo psicoeducativo orientamento CAM. L'intero percorso ha la durata di circa 6 mesi.

 

MN02 M.UO.VITI Mai più uomini violenti, Ravenna

Logo Muoviti

M.UO.VITI Mai più uomini violenti

Ravenna

 

Via Mazzini 61
Ravenna

Tel. 327 4621965
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.muoviti.org/


Orari di apertura: lunedì e mercoledì 10-13
  venerdì 14-17
   

 

Chi siamo

Il servizio Muoviti di intervento psicologico per uomini che agiscono violenza nelle relazioni affettive è gestito dalla Coop. Sociale Libra, attiva dal 1985, che dal 2013 ha iniziato a sviluppare una riflessione e una progettazione sul tema degli uomini maltrattanti a partire da esperienze ultraventennali e competenze in progetti collegati al problema della violenza alle donne (Centro Donna di Cesena e, fino al 2016, di Cervia), da interventi in ambito psico-sociale ed educativo rivolti a famiglie e minori (con Servizio Sociale associato dei Comuni di Ravenna, Cervia e Russi, ex ASP), da interventi consulenziali e terapeutici in ambito psicologico e psicoterapeutico rivolti a privati.

   
Cosa facciamo  

Il servizio Muoviti si occupa di:

- Interventi di trattamento psicologico rivolti a uomini che agiscono violenza verso la partner e/o i figli

- Collaborazione con i centri donna - centri antiviolenza del territorio di Ravenna per l’integrazione degli interventi volti al sostegno, informazione e accoglienza delle vittime;

- Collaborazione con i servizi invianti: servizi sociali e sanitari, tribunali, questura, carcere, altre associazioni o realtà del privato sociali appartenenti al territorio;

- Partecipazione ai tavoli istituzionali di coordinamento sulle iniziative di contrasto alla violenza

- Partecipazione a iniziative pubbliche di informazione, promozione, sensibilizzazione sull’intervento psicologico rivolto agli autori di violenza

   
A chi ci rivolgiamo?  

- uomini che agiscono violenza verso la partner e/o i figli

- minori con comportamenti problematici nella gestione dell'aggressività verso coetanei

   
Che tipo di percorso  

Gli interventi sono realizzati con colloqui individuali della durata indicativa di 12 mesi, applicando una specifica metodologia terapeutica che, sulla base del modello sviluppato dai centri ATV (Alternative To Violence) di Olso (Norvegia), ha portato all’elaborazione di un protocollo di intervento seguito dagli operatori di Muoviti. Le fasi dell’intervento terapeutico possono essere così sintetizzate:

Fase 1: focus sulla violenza

Fase 2: focus sulla responsabilizzazione

Fase 3: comprensione del problema in relazione alla storia personale

Fase 4: attenzione sugli effetti e le conseguenze della violenza

Oltre agli incontri con gli uomini sono previsti incontri informativi con la partner o ex nei casi in cui ciò sia possibile e utile ai fini dell’intervento sull’uomo. Gli incontri con la donna sono condotti da altra figura rispetto a chi segue l’intervento sull’uomo, prevedendo una collaboratrice per rendere più agevole il confronto al femminile.